Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa Workshop Semi, cura e resistenza @ La Scuola Open Source Società Cooperativa

didattica / x — @ La Scuola Open Source (Bari)

Semi, cura e resistenza

Caterina Giansiracusa — Artista visiva - insegnante - assistente @ PlanteSorcières - Edhea Ecole de Design et Haute Ecole d’Art du Valais (Sierre - CH) - EPFL (Lausanne - CH) - School of Commons (Zurich - CH)

Andrea Herrera Poblete — Artista visiva – fotografa @ collettivi artistici Caja de Cartón, Colectiva VAMP, Mesa8, Cooperativa de Fotógrafas, PlanteSorciéres

Anne-Laure Franchette — Artista visiva @ gruppo di studio interdisciplinare TETI (textures and experiences of trans-industriality) - VOLUMES, independent artistic book fair, Zurich -

Ancuta Cristina Petrescu — Studentessa - giardiniera

Semi, cura e resistenza Semi, cura e resistenza Semi, cura e resistenza

Tipologia di attività: Workshop

Livello di difficoltà: easy

Argomenti:


  • Ricerca artistica
  • fanzine
  • mondo vegetale
  • cura
  • banche dei semi
  • narrazioni inclusive

Come si articolano le attività?
3 giorni di workshop in presenza

Date del corso:

02/07/202110 / 18

03/07/202110 / 18

04/07/202110 / 18

Si svolge a: La Scuola Open Source (Bari)

Tutti gli incontri durano 8 ore
per un totale di 24 ore

L’attività ha un costo di: 100 €

Output: servizi, prodotti

Questa attività è consigliata a
tutti

Numero minimo di partecipanti: 8

Numero massimo di partecipanti: 16

Tenuto da:

  • Caterina Giansiracusa

    Artista visiva - insegnante - assistente / PlanteSorcières - Edhea Ecole de Design et Haute Ecole d’Art du Valais (Sierre - CH) - EPFL (Lausanne - CH) - School of Commons (Zurich - CH)

    Vivo e lavoro tra l'Italia e la Svizzera. Ho studiato scultura a Torino (BA e MA) all'Accademia Albertina e ho trascorso un anno di approfondimento alla Burgiebieschenstein Kunsthochschule di Halle-Saale (DE), poi ho studiato Arte e Sfera Pubblica nel programma di master MAPS all’ EDHEA di Sierre (CH). Ho trascorso la mia infanzia a Biella, a stretto contatto con un ambiente naturale, in un paesaggio fatto soprattutto di montagne e fiumi, dove ho avuto la possibilità di confrontarmi con il mondo materiale e vivere il suo tempo. Da quel periodo è nato il mio interesse nell'indagare le relazioni che noi (esseri umani) possiamo stabilire con il mondo più che umano. Questo interesse influenza profondamente il mio lavoro e mi ha portato a mettere in discussione il mio rapporto con i materiali. Ho esposto il mio lavoro in Italia e all'estero, e ho preso parte a diversi progetti di collaborazione. La collaborazione è un aspetto importante della mia pratica, con altri artisti ma non solo: per me fare è sempre fare-con e la possibilità di essere contaminati è fondamentale. Faccio parte del collettivo PlanteSorcières (https://plantasbrujas.art.blog/) con Andrea Herrera Poblete, in cui mi occupo di pratiche di resistenza in relazione a pratiche di cura, di interazione tra il mondo vegetale e le conoscenze popolari come pratiche di opposizione al sistema capitalista di produzione con un approccio femmminista.

  • Andrea Herrera Poblete

    Artista visiva – fotografa / collettivi artistici Caja de Cartón, Colectiva VAMP, Mesa8, Cooperativa de Fotógrafas, PlanteSorciéres

    Vive e lavora tra le regioni del Biobío e dell'Araucanía. Laureata in Belle Arti (Universidad de Chile) e Master in Arte e Sfera Pubblica (Edhea, Svizzera). Realizza progetti fotografici autoriali e collettivi, principalmente incentrati sui processi collaborativi e sulla creazione collettiva. La sua pratica artistica si muove tra fotografia, educazione, processi editoriali, ricerca artistica con un approccio femminista e lavoro sul territorio basato sulla collaborazione. https://andreahp.hotglue.me/

  • Anne-Laure Franchette

    Artista visiva / gruppo di studio interdisciplinare TETI (textures and experiences of trans-industriality) - VOLUMES, independent artistic book fair, Zurich -

    Anne-Laure Franchette (vive e lavora a Zurigo) ha studiato belle arti all'Università delle Arti di Zurigo, scenografia all'Università delle Arti di Londra e storia dell'arte all'Università di Parigi X. Dal 2018 fa parte del gruppo di ricerca interdisciplinare TETI, che esplora texture ed esperienze di trans-industrialità. È co-fondatrice e direttrice artistica di VOLUMES, un'organizzazione no-profit dedicata all'editoria d'arte. A Zurigo, ha anche avviato la Zurich Art Space Guide e il collettivo BadLab. Tra le mostre recenti a cui ha partecipato: Temporary Works (2021), Kunstkasten Winterthur CH (personale); Ghost Ship (2021), Kulturfolger Zurich, CH; Re-sentir tous les jours, techniques de résistance (2020/21), Mécènes du Sud, Montpellier, FR; Imagine the Past - Reflecting the Future (2020/21), Dienstgebäude, Zürich, CH; true grid irl (2020), unanimous consent, Oerlikon, CH; Oops a Daisy! (Urban Management Remix) (2020), Dietikon Projektraum, Dietikon, CH; Les Mauvaises Herbes Résisteront (2020/21), CACN, Nîmes, FR; Modern Nature 2 (2020), La Becque, La Tour de Peilz, CH; Habitat (2020), Public Art Biennial, Morcote, CH; Return to Rome (2019/20) Istituto Svizzero, Roma, IT.

  • Ancuta Cristina Petrescu

    Studentessa - giardiniera /

    Ancuta Cristina Petrescu studia a Torino Scienze Forestali al dipartimento di Agraria dell'Università degli Studi di Torino. Ancuta è arrivata allo studio della Botanica e delle Scienze Naturali dopo un precedente percorso in Belle Arti e Scienze Gastronomiche. Il suo interesse per l'arte e la cucina l'ha portata a viaggiare per approfondire le sue conoscenze a contatto con altre culture e sviluppare le sue abilità pratiche. La conseguente decisione di dedicarsi allo studio delle Scienze Naturali nasce dalla sua personale attitudine a connettere diversi campi e discipline, nel tentativo di approfondire, anche attraverso il lavoro pratico, lo studio della realtà al fine di instaurare un discorso corale e inclusivo. Il suo percorso formativo e lavorativo si è sempre basato sul lavoro collettivo; lo scambio e l'interazione con altre persone e comunità, anche molto lontane tra loro, costituisce parte integrante della sua pratica.

Di cosa si tratta?


Il workshop si propone come un luogo di riflessione sulla costruzione di narrazioni collettive e sulla loro inclusività. L’idea è quella di lavorare alla realizzazione di una fanzine pensata come un luogo di resistenza e di sperimentazione di pratiche di narrazione differenti. Partendo da una riflessione iniziale sulle pratiche di cura e mantenimento come strategie di resistenza andremo ad osservare il funzionamento di realtà quali le banche dei semi e organizzazioni autogestite di libero scambio delle sementi, indagando anche quali strategie di resistenza vengono messe in atto dal mondo vegetale e come possiamo farle nostre nella costruzione di una narrativa collettiva.


A cosa si lavora?


• Realizzazione di una struttura narrativa inclusiva attraverso un processo di negoziazione
collettiva
• Introduzione ai processi di conservazione e mantenimento del materiale biogenetico e ai
conseguenti metodi di archiviazione
• Osservazione del mondo vegetale e dei suoi funzionamenti e traduzione delle osservazioni
svolte in metodologia di lavoro
• Riflessione sul concetto di cura e analisi del come tradurlo
• Osservazione e racconto di pratiche di resistenza
• Introduzione alla storia e all’uso politico della fanzine da parte di Anne-Laure Franchette
• Introduzione alle pratiche di resistenza attuate dal mondo vegetale da Ancuta Cristina Petrescu
• Approfondimento sulla fanzine e mini lezione pratica sulla cianotipia autoprodotta da Andrea
Herrera Poblete
• Presentazione della ricerca “A thousand times we will grow” in collaborazione con School of
Commons- Zurich e del progetto PlanteSorcières (https://plantasbrujas.art.blog/)
• Caterina Giansiracusa si occuperà di facilitare il workshop e i processi di traduzione
dell’esperienza e delle informazioni in metodologia di lavoro.

A fine corso, i partecipanti porteranno a casa una fanzine e avranno partecipato a un processo di costruzione di una narrazione inclusiva attraverso processi di negoziazione e collaborazione collettivi, dopo aver investigato pratiche di cura e resistenza in relazione al paesaggio e al mondo vegetale.

Come si svolge?


Primo giorno
• mattina
Presentazioni + introduzione al laboratorio,
prima esplorazione del tema: tavola rotonda sul tema della resistenza e primi input
Incontro con Anne-Laure Franchette : incontro sulla storia e sull’uso politico della Fanzine
• pomeriggio
Incontro con Anca: introduzione sulle pratiche di resistenza del mondo vegetale
Primo brainstorming, raccolta prime idee, divisione in gruppi di lavoro/discussione

Secondo giorno
• mattina
Prima raccolta e scambio di materiale, discussione
• pomeriggio
Definizione dei gruppi di lavoro e dei temi, raccolta materiale, tavola rotonda

Terzo giorno
Produzione della fanzine

Nota 1: potrebbe svolgersi una visita specifica in un luogo inerente al tema ma sono da verificare le condizioni temporali adatte.
Nota 2: è prevista una serata di visione di film inerenti al tema, la serata verrà concordata con i partecipanti.
Nota 3: la domenica ci sarà una presentazione finale del lavoratorio e piccolo aperitivo.

Link & Bibliografia per chi vuole approfondire il tema (non è necessario leggere per partecipare al workshop):
https://thisismold.com/space/farm-systems/the-unseen-as-fertile-ground-for-new-wisdom?fbclid=IwAR1aXJn3ekf5RYjz8E0jMKaolM1b8j2KdDyUctC-IN8gYnGlGbazMvWxjcs#zb-n
https://vimeo.com/44651102
https://monoskop.org/images/d/dd/Cesar_Filipa_2018_Meteorisations_Reading_Amilcar_Cabrals_Agronomy_of_Liberation.pdf
https://www.youtube.com/watch?v=bsIGzeGCflY
https://www.artistasdelacero.cl/archivo/
https://biodiversitapuglia.it/il-progetto-biodiverso/
http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2005/06/30/sixth-declaration-of-the-selva-lacandona/
Gilles Clement, Piccola pedagogia dell’erba, Derive e Approdi 2015
Donna Haraway, Staying with the trouble, Duke Press 2016
Silvia Fedrici, Reincantare il mondo - Femminismo e politica dei commons, Ombre corte 2018
Vandana Shiva, Semi di Libertà, Castelvecchi 2019
Richard Mabey, Elogio delle erbacce, Ponte alle grazie, 2011



APPROFONDISCI

↳ I corsi saranno attivati al raggiungimento del numero minimo di iscritti.


Cliccando su ISCRIVITI accedi al form da compilare per portare a termine la tua richiesta di iscrizione:

se, entro la deadline, sarà superato il numero massimo di partecipanti
effettueremo una selezione in base ai profili raccolti, quindi riceverete una mail tutte le informazioni relative alla selezione e all’avvio dell’attività.

se, entro la deadline, non sarà raggiunto il numero minimo di partecipanti:
riceverai una mail nella quale ti sarà chiesto se desideri mantenere attiva la richiesta d’iscrizione fino al raggiungimento del numero minimo di iscritti, oppure annullare la tua richiesta d’iscrizione.

Questo processo è stato messo a punto per garantire a tutti la massima trasparenza e la sostenibilità economica dei corsi.

↓ Piani di membership

Keep in touch!

Iscriviti alla newsletter per restare informato: riceverai periodicamente aggiornamenti su tutte le attività de La Scuola Open Source.

* indicates required